INO
CNR
Home vai_a_storia   vai_a_organizzazione   vai_a_sedi   vai_a_personale   Area Riservata
    English English Version  
 
 

Storia

1927-1945
Nel 1927, il Laboratorio di Ottica e Meccanica di Precisione, fondato nel 1918, diventa il Regio Istituto Nazionale Di Ottica (RINDO) sotto la guida di Vasco Ronchi.
L'Istituto ha lo scopo di progettare e collaudare dispositivi ottici e di formare personale tecnico specializzato, soprattutto per le forze armate.

1945-1975
La fine della Seconda Guerra Mondiale vedeva l'ottica rimpiazzata in molti settori dall'elettronica, essendo le sorgenti elettroniche più controllabili, laddove le sorgenti ottiche tradizionali sono intrinsecamente limitate quanto a coerenza e potenza di emissione.
Nel 1946 il nome cambia in Istituto Nazionale Di Ottica (INDO), sempre diretto dal Prof. Vasco Ronchi.

1975-1999
L'introduzione dei laser e dei dispositivi opto-elettronici restituiva all'ottica il ruolo preminente dei primi decenni del secolo.
L'Istituto viene ristrutturato, a partire dal 1975, per far fronte alle nuove sfide scientifiche. Prima viene commissariato e modificato il nome in Istituto Nazionale di Ottica (INO); per questo lungo periodo è diretto dal Prof. F.Tito Arecchi, prima Commissario e poi Presidente.
L'INO in questi due decenni raggiunge picchi di eccellenza in molte aree, tra le quali:

  • Ottica quantistica
    dinamica delle sorgenti laser; nascita del caos deterministico, il suo controllo e sincronizzazione; bistabilità ed instabilità ottiche, nascita e competizione di forme (pattern) in sistemi ottici estesi; sviluppo di nuove sorgenti coerenti basate su effetti ottici non lineari.
  • Metrologia ottica
    sistemi interferometrici ad alta risoluzione; tecniche olografiche innovative; metodi non invasivi per l'analisi delle opere d'arte (dipinti, sculture); sistemi di microscopia ad alta risoluzione.
  • Optoelettronica
    sviluppo di tecniche ottiche per il controllo di qualità, di processo in campo industriale e per l'analisi biomedica; sistemi ottici applicati alla raccolta di energia solare; tecniche ottiche per l'identificazione di difetti strutturali.
  • 2000-2005
    Nel 2000 il ministero vigilante (MURST) cambia la denominazione dell'Istituto da INO ad Istituto Nazionale di Ottica Applicata (INOA) per enfatizzare la portata applicativa delle ricerche nel settore dell'Ottica.

    2005
    Con la legge 127/2003 viene riformato il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); tale riforma, detta riforma Moratti, prevedeva un progressivo accorpamento dell'INOA nel CNR che si è concluso l'1/6/2005, con la trasformazione di INOA da Ente di Ricerca autonomo in Centro di Responsabilità di I livello del CNR.

    2010
    Per delibera del CDA del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); viene istituito l'Istituto Nazionale di Ottica INO nel CNR che oltre al precedente INOA accorpora il personale del centro BEC di Trento (ex-INFM) e parte dell'IPCF di Pisa. Vengono quindi costituite tre nuove Unità Operative di Supporto (UOS) appunto con sede a Trento, Pisa e Sesto Fiorentino.


    In questi anni le attività di ricerca si sono ulteriormente ampliate e qualificate sul piano internazionale, soprattutto grazie alla rete di collaborazioni creata dai ricercatori INO e dalla capacità di autofinanziamento delle attività di ricerca mediante la partecipazione a bandi competitivi nazionali ed internazionali. Ciò ha parzialmente controbilanciato la significativa riduzione del Fondo di Finanziamento Ordinario consentendo l'efficace prosecuzione delle attività dell'Istituto.



    INO © Istituto Nazionale di Ottica - Largo Fermi 6, 50125 Firenze | Tel. +39 05523081 Fax +39 0552337755 - P.iva 02118311006   P.E.C.: protocollo.ino@pec.cnr.it        Info: info@ino.it