INO
CNR
vai_a_storia   vai_a_organizzazione   vai_a_sedi   vai_a_personale   Area Riservata
    English English Version  
 
 
Development of advanced Laser Imaging Techniques for the anterior and posterior Eye
LITE
Finanziamento del: Regione Toscana    Bando: ERA-NET
Inizio attività: 01/01/2014    Termine attività: 28/02/2017
Budget Complessivo: 1.210.200,00 €    Costo complessivo finanziato all'INO: 105.000,00 €
Responsabile Scientifico del progetto: Riccardo Nicoletti     e per l'INO è: Cicchi Riccardo

Organismo/Istituzione/Azienda prima Assegnataria: C.S.O. srl

Riassunto: Il progetto LITE è finalizzato allo sviluppo di tecniche di imaging laser avanzate sia per il segmento anteriore che posteriore dell'occhio. Lo scopo principale è quello di avanzare nel campo della diagnostica per immagini sia per il segmento anteriore che posteriore dell'occhio, sviluppando nuove tecniche all'avanguardia, applicandole a patologie specifiche, e valutando infine la loro prospettiva di integrazione in un'unica piattaforma, riducendo così sia le attrezzature che i costi nella clinica oculistica. Il segmento anteriore dell'occhio sarà investigato in maniera non-invasiva mediante la microscopia a generazione di seconda armonica (SHG), al fine di ottenere informazioni sulle fibrille di collagene corneale. La microscopia SHG è stata usata con successo negli ultimi anni per determinare la struttura di fibrille di collagene in vari tipi di tessuto, tra cui cute, tendini, ossa e cornea. Questa parte del progetto è dedicata a sfruttare la microscopia SHG per generare immagini ad alta risoluzione dell’organizzazione del collagene senza l'uso di coloranti esogeni. Queste immagini aiuteranno a comprendere le modifiche nell'organizzazione del collagene corneale in occhi affetti da malattie diverse, con particolare attenzione al cheratocono. L’oftalmoscopia laser a scansione con ottica adattiva (AOSLO) sarà usata per il segmento posteriore dell'occhio, e in particolare per la retina. In questa parte del progetto, un sistema AOSLO sarà realizzato al fine di studiare le caratteristiche delle condizioni degenerative della retina che causano cecità, come la degenerazione maculare (AMD), l’atrofia geografica (GA), la retinite pigmentosa (RP) e la malattia di Stargardt (STGD). Tale attività verrà eseguita quantificando fotorecettori singoli, soprattutto coni. Infine, la combinazione di queste due tecniche in un unico sistema verrà progettata e sviluppata. L'obiettivo finale di questo progetto è quello di integrare queste due nuove tecniche in un dimostratore finale unico, approfittando del fatto che entrambi sono basati su un approccio di scansione laser.

Esperimenti/Studi Teorici correlati:
Microscopia non-lineare multimodale per l’imaging dei tessuti biologici
Imaging della cornea mediante generazione di seconda armonica

INO © Istituto Nazionale di Ottica - Largo Fermi 6, 50125 Firenze | Tel. 05523081 Fax 0552337755 - P.IVA 02118311006     P.E.C.    Info